ALBORI STREET ART

Segmenti Urbani in collaborazione con Albori Music Festival presenta:
ALBORI STREET ART
4 stencil artists - 4 writer - 1 illustratore

Nel corso di ALBORI 2018, il centro del borgo di Sulzano diventerà una grande galleria d'arte, con gli artisti effettueranno dei live painting e esporranno le loro opere.

NABLA&ZIBE artisti di fama internazionale sono di Milano, lei grafica di professione, lui è tra i talenti noti che dai primi anni novanta ha tappezzato i quartieri milanesi (e non solo) con opere quali stickers, stencils e posters, ne ha fatto un uso massiccio portando alla notorietà il suo logo più famoso, il volto de “Il mio amico Arnold”, per l’artista simbolo dei “perdenti”. Come coppia artistica partecipano a diverse mostre collettive, da segnalare il progetto Energybox, promosso dal comune di Milano per la decorazione delle centraline del controllo semaforico, trasformandole opere permanenti e fruibili liberamente da tutti i cittadini. Qui la coppia ha presentato “Pensiero fluido”, progetto nato da uno studio su come l’applicazione della scienza possa creare mondi meravigliosi. Nabla e Zibe hanno sperimentato, scoperto e ricreato i campi magnetici applicati al ferro fuso, questa ricerca li ha portati a creare illustrazioni in cui i soggetti, attraverso i loro pensieri, si contaminano a vicenda. A Parma, invece, sui muri del sottopasso della stazione è possibile ammirare un bellissimo lavoro dedicato a Giuseppe Verdi, fatto dalla coppia in occasione del Parma street View.

 

RAB DAUBER stencil artist made in Brescia da più di 15 anni si muove tra le strade cittadine decorandole con poster, adesivi, piastrelle e stencil. Il suo nome deriva dal primo stencil fatto, il coniglio del film cult Donnie Darko. I suoi soggetti spesso hanno un sapore prettamente vintage, inseriti su inusuali supporti, come vecchi e arrugginiti
contenitori di latta, in cui viene sottolineata la sfumatura temporale tra immagine e supporto. Spesso le sue opere sono sviluppati in serie da 3/4 lavori attingendo dalla cultura televisiva anni ottanta, numerose le mostre collettive da ricordare In Wall We Trust, Stick of it All (Bilbao), Sticker nerd (USA), Free art Cuxhaven (Germania), Segmenti Urbani 2017 (Bussana Vecchia), Frammenti, All you can buy.

 

BEAN MANSON è nato nel 1984 a Rho, vive e crea in provincia di Milano. Ha una formazione artistica applicata nel campo della grafica pubblicitaria. Dai tempi del liceo si appassiona alla cultura street, dall’hip-hop fino ad arrivare ai graffiti. Non come artista ma da semplice curioso gira le città e si documenta sugli artisti e le tag, finché
non cade nel vortice della sticker art. Nel 2013 inizia a produrre i primi sticker, illustrazioni e stencil, per lo più ispirati ai personaggi della commedia italiana degli anni ottanta quali Renato Pozzetto, Lino Banfi, Diego Abatantuono, Alvaro Vitali giusto per citarne alcuni. Rivisita marchi e icone celebri tramite giochi di parole. Nel
2015 partecipa assieme all’artista Francesco de Molfetta (DeMo) all’esposizione collettiva dedicata a Totò in occasione dell’Expo chiamata “Totò benvenuto all’Expo – il riso nutre il corpo e lo spirito”. Sempre nel 2015 in alcune zone di Milano trasforma i dissuasori metallici dei marciapiedi in finti tubi di Mentos (“Manson – The
Beanmaker). Nel 2017 i suoi adesivi fanno tappa a Bussana Vecchia (IM) per “Segmenti Urbani” e in Svezia, più precisamente a Malmo, per “Stickerfest 2”. Per l’estate 2018 è prevista la sua partecipazione con adesivi e poster ad esposizioni negli Stati Uniti, in Estonia e Germania.

 

YELLOWFAT CREW è una crew di graffiti writing che prende il nome da un modello di cap, cioè il tappo erogatore per spray. Nasce a Brescia dai primi tre membri fondatori: Tommy Sper, Andrea e Semino. Col tempo si aggiungeranno altri membri, sia di Brescia che dal Veneto, ma anche dalla Puglia, caratterizzati ognuno da uno stile
completamente diverso l’uno dall’altro. Stili che variano dall’illustrazione alla calligrafia, da lettere tridimensionali al realistico, approcciandosi in maniera differente alle diverse sfaccettature dell’arte urbana. Nel 2017 organizzano la prima edizione di Yellow Jam, evento realizzato a Roncadelle (BS), che vedrà, nelle due edizioni realizzate (2017/2018) più di 150 artisti ad edizione provenienti da tutta Europa. La crew fonda anche l’omonima associazione che nella sede, il circolo “639” organizza eventi, feste, incontri, workshop e mostre. Ad oggi la Yellow Fat Crew
continua a collaborare e lavorare anche in progetti di riqualificazione urbana, tramite la realizzazione di studiati interventi murari.

 

BIRO nasce a Brescia nel 1974, nel 1988 frequenta il Liceo scientifico ad indirizzo artistico “A. Calini” ma da sempre ha disegnato, dipinto e scolpito tutti quelle creature che vagavano nella sua mente.
Così nel 2005 decide di aprire un laboratorio di idee che chiamerà l’Ozio. Uno spazio dove lavorare ed ospitare differenti realtà artistiche spaziando dalla pittura alla poesia, dalla scultura alla fotografia, dalla musica all’illustrazione, passando per il fumetto, il teatro, etc…
L’Ozio è inizialmente nato in via Benacense a Brescia, spostatosi successivamente in via Trento per approdare ad oggi in C.da del Carmine.
Biro continua a produrre opere pittoriche, scultoree e illustrazioni per lavoro ma sempre con la medesima passione e con un segno facilmente distinguibile.
Possiamo apprezzare i sui murales in diversi Bar e ristoranti di Brescia (Latteria Molloy, Box Pub, Bar 24h), su alcune scuole e teatri (Scuola primaria di Flero, Teatro Comunale di Borgosatollo) e nel giardino botanico Heller Garden.
Ha realizzato un fumetto edito da Maledizioni “Zero e Uno” e un libro di illustrazioni “Buon viaggio Tarek” edito da Liberedizioni.
Molteplici illustrazioni per copertine cd, libri, loghi e riviste (band: Black Eyed Susan, Ovlov, Altica, Ginger Bender, the Bonebreakers, Il re Tarantola, etc.), copertina del libro “La Supplente” e illustrato il libro per “Best place to work”.
Ha prodotto diverse etichette per vini e super alcolici per Turrina s.p.a.
Ha realizzato scenografie teatrali per la compagnia Madame Rebinè, Teatro 19, e per video clip di Jet Set Roger e Laurex Pallas, oltre che un video di animazione per “Il Sindaco”.
Ha lavorato diversi anni come docente presso l’Istituto San Clemente.
Ha vinto il premio come miglior installazione all’ Ambient Festival e il premio come migliore illustrazione per la rivista Historieta Patagonica.

PER INFO SU TUTTI GLI ORARI e LE LOCATION DELLE VARIE GIORNATE CLICKA QUI!